Lords of Knowledge

Vai al corpo della paginaOhmnibus.net

Benvenuti nel sito web di Lords of Knowledge

Scarica liberamente il manuale di Lords of Knowledge
Richiedi una copia cartacea del manuale di Lords of Knowledge

Lords of Knowledge è un Gioco di Ruolo tradizionale (carta & matita) con un'ambientazione a metà tra fantasy e fantascienza fatto di Acciaio, Magia e Tecnologia.

Il gioco può essere liberamente scaricato e distribuito sotto licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 3.0.

Ultime Notizie

: ESTRATTO DA “IL SAPERE NUOVO - TUTTO SU DIOGENES” #19 Post dal blog


In quel tempo, Diogenes era da poco entrato a far parte della famiglia Von Matterhorn e il Signor Lorenzo, complice la partenza dei figli per la cittadella, pensò che fosse una buona idea introdurre il nuovo rampollo nell’alta società.

Diogenes non era altrettanto convinto che fosse una buona idea, ma per rispetto e riconoscenza verso il suo Signore accettò il volere del Conte.

Oltre ad una serie di lezioni su economia, politica e galateo, che Diogenes digeriva a fatica, il Signor Lorenzo decise di invitarlo e fargli visitare quella che era una sorta di associazione dei nobili della città. Un luogo nel quale l’aristocrazia si ritrovava, secondo il Conte, per discutere i destini di Lisalania e i propri affari, senza l’asfissiante presenza delle famiglie.

La prima cosa che notò Diogenes nel club fu la totale assenza di donne tra i membri; il Signor Lorenzo si giustificò dicendo che le donne non erano ammesse, non avendo le stesse capacità e responsabilità degli uomini. Perplesso Diogenes rispose: “Sono convinto che se si forniscono alle donne occasioni adeguate, le donne possono fare tutto.”

Il Conte sembrò interessato alla risposta, ma rimase in silenzio e proseguì nelle presentazioni e nel giro dei locali.

L’altra cosa che Diogenes notò fu l’anzianità della maggior parte dei presenti, il fatto che molti sembravano avere acciacchi fisici di varia natura. Tossivano, facevano fatica ad alzarsi dalle sedie, avevano un aspetto tetro e malaticcio. Altra cosa, ancor più inquietante, per tutti i 30 minuti passati in quel luogo, Diogenes non vide mai nessuno sorridere: né i membri dell’associazione, né i servitori. Fu allora che il Maestro non seppe trattenersi e si rivolse al Conte: “Mio Signore, perché frequentate questo posto grigio? Non vi rispecchia affatto.” Il Signor Lorenzo ci pensò su per un secondo e rispose: “Credo sia per l’atmosfera di alta moralità che si respira al suo interno.” Diogenes, incredulo, diede un ultimo sguardo ai presenti e disse: “Non si può dire che un’atmosfera di alta moralità sia molto propizia alla salute, o alla felicità”.

E così si concluse l’esperienza del Maestro all’interno dell’associazione dei Nobili di Lisalania.

: [RdL] Papaveri e papere Post dal blog

Strada per Crestadorata, mattino del 5° enhor crescente (23 aprile)

Ben pochi viandanti per la via, un fattore che trasporta ortaggi dice che ha saputo da Oreste che più giù Germano e famiglia sono spariti e conferma di aver subito attacchi, recentemente gli sono state rubate fave e ravanelli e ha trovato piccole impronte nei campi. Ora è costretto a portare al mercato quello che gli resta per sfamare la famiglia. Vengono acquistati un broccolo da donare a Piotr per la sua dieta, un sacco di patate da Rayanna e un vaso di miele dal Yanagi che lo userà per produrre oppio.
Tutto in regola fino al bivio per cresta dorata, dove sorge una capanna di legno. L’occupante riferisce di attacchi di mostriciattoli e che lì vicino nel boschetto ne ha personalmente visti. Questa pista viene ignorata.
Sul più bello la solita scarica di Rayanna viene indirizzata sul sacco di patate che esplode in aria provocando diversi sospetti nell’uomo della capanna.
Si prosegue fino ad un altro bivio. Seguendo la strada di destra ci si accorge dopo poco che è stata abbandonata ormai da anni. Ne segue una discussione sul da farsi ci si chiude in comitato e vince la mozione di Piotr che prevede di ritornare in direzione della fattoria di Germano ma non senza dare prima un’occhiata in giro.
Il gruppo si divide, Piotr e Myristica cercano tracce ed erbe invano, Fioravante avanza sulla strada curioso di scoprire dove porti, Diogenes e Rayanna rimangono sul carro e Yanagi va in cerca di papaveri e si sa chi cerca trova...
Addentrandosi oltre un rovo a suon di pugni e facendosi anche parecchio male, il maestro raggiunge una radura piena di papaveri bianchi e rossi e ne riempie un sacco intero. Per cercare di ritornare dà fuoco al rovo con dell’olio di roccia ma dopo poco l’incendio va fuori controllo ed è costretto ad aggirare l’ostacolo per tornare al punto di sosta del carro.
Rayanna nel frattempo si concentra per ottenere un presagio e Diogenes si rende conto che nel farlo diventa vecchia. “Il tempo è relativo” dirà poi la sciamana rischiando di innescare una noiosa discussione filosofica con Diogenes. Nella visione del passato vede uscire da un cespuglio nei pressi di dove ora si trovano 4 omuncoli e uno di loro si spaventa per qualcosa sulla strada cercando di far fuggire gli altri. Ne nasce una discussione e vengono alle mani poi finalmente fuggono via. Del fumo comincia a salire nel bosco...
Fioravante che era avanzato aveva scambiato per uccelli quelli che sono suoni gutturali quand’è che da un cespuglio escono 4 omuncoli. Estrae la spada della Belarga urlando ai compagni “Sono qui venite! AAAARRRGGGHHH!!”.
Gli omuncoli fuggono via spaventati ma riesce ad afferrarne uno.
Accorrono di corsa Myristica e Piotr mentre Diogenes arriva a scatti con piccoli teletrasporti. Myristica lega l’omuncolo mentre Piotr, indirizzato da Fioravante, si infila nel cespuglio all’inseguimento facendosi largo a colpi di ascia. In direzione del carro la colonna di fumo si sta ingrossando. Myristica rimane per chiamare Piotr mentre Diogenes porta via col teletrasporto Fioravante e il prigioniero.
Nella foga dell’inseguimento Piotr finisce in una trappola, pesta un nido di vespe e si procura diverse punture, correndo urlando a squarciagola per poco non investe Myristica, la ragazza riesce a fuggire illesa mentre il lento westan dovrà subire un’altra raffica di punture prima di mettersi in salvo.
Tutti al carro anche il maestro. Mentre si tenta di comunicare con la creatura l’incendio continua ad espandersi... la colpa del quale ricade sugli omuncoli e il vecchio maestro con lo sguardo innocente non ci pensa nemmeno lontanamente ad autodenunciarsi... Per una volta Piotr col linguaggio primordiale se la cava meglio del filosofo nel comunicare con l’omuncolo che risponde al nome di Dugro, ma l’impresa sembra comunque impossibile. L’incendio ormai è fuori controllo anche se Piotr stima che alla strada si fermerà, quindi il prigioniero viene messo fuori combattimento con del buon oppio e si riparte in direzione della fattoria abbandonata.

Fattoria abbandonata, primo pomeriggio del 5° enhor crescente (23 aprile)

Dopo 20 minuti si raggiunge la fattoria. Ci sono 4 edifici nessuno con segni di vita. L’edificio principale è stato plausibilmente attaccato, una finestra è rotta verso l’interno e la porta ha almeno un cardine rotto. I recinti sono vuoti e tutto è trasandato.
Il carro con prigioniero e un paio di guardie [Ted e Galaele, N.d.GM] viene lasciato nel centro dell’aia mentre si procede all’ispezione degli edifici.
Il capanno degli attrezzi è stato saccheggiato ed è completamente vuoto. Tutto quello che non era inchiodato è stato sottratto e ci sono innumerevoli piccole impronte una sull’altra.
La stalla ha un largo corridoio centrale e dei box laterali. Lo sterco sembra vecchio di una decina di giorni al massimo ci saranno stati ovini e bovini e ci sono macchie di sangue come se avessero ucciso delle bestie. In fondo al corridoio un altro portone ma questa volta chiuso.

Fine trentatreesima puntata.

Resoconto a cura di Piotr
Immagine by Jonas Jensen

: XXIV Post dal blog


Auguri LoK! E' passato un anno dall'annuncio dei lavori ad una quarta edizione, ed avrei voluto regalare a tutti un'anteprima, ma purtroppo come spesso accade in questi casi sono stato distratto dalle fragorose risate del dio della procrastinazione. Poi mi sono accorto che dagli inizi del lavoro alla terza alla sua effettiva pubblicazione sono passati 7 anni, e quindi mi son detto che in fin dei conti la situazione non è così grave.

Sì perché sebbene il materiale non sia ancora degno di essere pubblicato (nemmeno in bozza) è comunque a buon punto. Come già accennato i playtest si sono rivelati molto positivi, e la campagna che stiamo giocando procede in modo eccellente, anche grazie alle nuove note di colore introdotte dal Cypher System.

Ancora "un po'" di pazienza (notate le virgolette) e darò un collegamento alla bozza. Nel frattempo accontentatevi del link alla ricetta del pan di spagna usato come base della torta, che è molto buono anche se non mi riesce mai di fare decorazioni decenti.

Ah, il nome della IV edizione sarà "LoK × CS". Che ne pensate?

Stonhenge

Vai al sito precedenteStonhenge: Il Webring dei GdR gratuiti italianiVai al sito successivo

[ Precedente | Home | Successivo ]


Made with Cascading Style Sheet Valid CSS Valid XHTML 1.0 Official Ohmnibus Production


Siete invitati a collaborare in qualsiasi modo. Scrivetemi!

"Signor webmaster, posso vedere di nuovo l'introduzione?"