Lords of Knowledge

Vai al corpo della paginaOhmnibus.net

Benvenuti nel sito web di Lords of Knowledge

Scarica liberamente il manuale di Lords of Knowledge
Richiedi una copia cartacea del manuale di Lords of Knowledge

Lords of Knowledge è un Gioco di Ruolo tradizionale (carta & matita) con un'ambientazione a metà tra fantasy e fantascienza fatto di Acciaio, Magia e Tecnologia.

Il gioco può essere liberamente scaricato e distribuito sotto licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 3.0.

Ultime Notizie

: Missione suicida o solo maledetta routine? Post dal blog

Aged Bronze Smart-Material by Vishwesh Taskar

Tomba di Re Gorundo, tarda mattinata del 10° tehner pieno (26 agosto)

La compagnia ammira a lungo i bassorilievi della tomba, che tra l'altro sembrano narrare le gesta di tre figure umanoidi di cui una cornuta. La mancanza di contesto non permette però di comprendere il susseguirsi delle immagini.

Diomira, con grande sorpresa di Jabka che inizialmente pensa ad un furto, estrae la pietra blu in suo possesso per verificare eventuali interazioni con quello che sembra essere un pezzo di meteorite. Scopre così che il pezzo in suo possesso vibra se orientato in direzione della reliquia sulla tomba del Re.

La sacerdotessa non può esimersi dall°eseguire una qualche cerimonia commemorativa che tuttavia provoca borbottii infastiditi dal pubblico - specialmente da Jabka, per cui dopo poco si imbocca il sifone subaqueo, il generale Jabka in coda. Il sospettoso Bastiano vedendo la scena dall°asciutto teme che Jabka non visto possa avere attivato qualche protezione magica nella tomba, ma del resto a lui poco importa perché mai entrerà in una grotta buia e per aggiunta subacquea.

Il generale si avvicina a Rodrigo - col quale sembra avere un rapporto di simpatia migliore che con gli altri - e tiene un lungo discorso che spazientisce notevolmente il llud, soprattutto perché non è in grado di comprenderlo. Dopodiché i hroak se ne vanno, riportandosi via la loro "imbarcazione".

Si accende quindi l'ennesima discussione sulla convenienza o meno del sottrarre la pietra agli hroak. Volano parole grosse ma alla fine si conviene che se la pietra sparisse proprio in quel momento sarebbero sicuramente incolpati, attirando l'ira dell'unico popolo di Namia che non ha dimostrato loro aperta ostilità. Si riparte dunque per la grotta abbandonata con l'intento di recuperare l°altra pietra senza creare incidenti diplomatici.

Bastiano manifesta le sue preoccupazioni per i cavalcalupi che potrebbero arrivare fino a Torana e propone di esplorare il terreno fra la città e la palude per non farsi trovare impreparati. Dato che i cavalca-lupi l'hanno già attaccato in ben tre occasioni differenti, sono diventati il suo nemico principale e li vedrebbe volentieri sterminati.

Grotta del naga, sera del 10° tehner pieno (26 agosto)

Preparato un nuovo accampamento sugli spazi rimasti dal precedente, nel gruppo si innesca un altro litigio, stavolta sul modo di procedere nei confronti del naga, o meglio se ucciderlo o controllarlo. Diomira è convinta di essere in grado di controllarlo il tempo sufficiente per sottrarre il tesoro dalla stanza, ma se dovesse fallire si rivolterebbe contro di lei diventando un nemico pericoloso. Distruggere il vincolo sarebbe complicato quanto abbattere il naga, ma almeno non risponderebbe ai colpi. In ultimo il ponte si trova ancora pericolosamente sopra una conca piena di gas tossico e forse esplosivo; dovesse caderci un torcia per errore sarebbe un grosso problema. Si decide di tentare la sorte: Giannunzio molto saggiamente si impone di non prendere fuoco a contatto col gas, e insieme Rodrigo affiancheranno Diomira nella stanza del naga mentre Wotan, Silvy e Yelena dall°altro lato del ponte saranno pronti con arco e frecce. Il claustrofobico Bastiano dall°esterno, come dice, si occuperà di tenere libera la ritirata...

La notte passa senza problemi anche se si ha la sensazione di essere osservati, forse nell°ombra i cavalca-lupi tengono d°occhio la situazione.

Grotta del naga, mattino del 10° enhor pieno (27 agosto)

Giannunzio ha uno di quei sogni premonitori che gli capitano di tanto in tanto... Non ricorda il sogno a parte lo strano dettaglio che la stanza del naga è stata creata 610 anni fa, informazione storica interessante se volesse condividerla con gli altri o con il conte.

Wotan, poco prima che Diomira tenti di controllare il naga decide di esaminare il terreno dell°ingresso della stanza. Mentre Silvy e Yelena sono concentrate sull'altra metà del gruppo, il westan mette un piede in fallo provocandosi una brutta distorsione e precipita giù dal ponte. Il salto non è alto, ma finisce nella zona satura di gas e comincia a boccheggiare. Prima di riuscire ad alzarsi perde conoscenza subendo diversi danni a causa del gas. Silvy si accorge del compagno faccia in giù e chiama a gran voce gli altri mentre tenta il salvataggio senza successo: Wotan è troppo pesante per lei e comincia a subire essa stessa danni dal gas. Rodrigo reputa "le ragazze" - come le chiama lui - in grado di gestire da sole la situazione e rimane in attesa dall°altra parte del ponte. Giannunzio reputa di non riuscire ad attraversare in tempo il ponte e quindi di non poter essere di aiuto, e subisce le male parole di Silvy con una scrollata di spalle. Diomira sembra l'unica ad aver compreso la gravità della situazione e in grado di intervenire tempestivamente: battendo il bastone a terra spicca un balzo orizzontale che in un batter d'occhi la porta dai compagni in difficoltà. Sebbene a fatica, Wotan viene recuperato. Ha le labbra cianotiche e ci vorrà tutto l'impegno di Diomira per farlo tornare cosciente. Quando rinviene tra un misto di confusione e rabbia per l'accaduto decide di uscire, malmostoso, per respirare un po° di aria fresca.

La missione comincia male, già un membro in meno e ancora non si è fatto nulla.

Diomira non si perde d'animo, e torna dall'altra parte del ponte. Appena oltrepassato il vincolo il naga si manifesta come previsto. La sacerdotessa pronuncia le parole del potere ed in risposta la creatura si irrigidisce per poi farsi da parte. Rapidamente la custode recupera la pietra le erbe notate la volta precedente, per poi utilizzare il resto del tempo per memorizzare i pittogrammi disegnati sul muro, sperando di mantenere la presa sul naga abbastanza a lungo.

Esce quindi dalla stanza fa rientrare la creatura nel suo vincolo. Solo allora ci si rende conto che da alcuni secondi si percepisce una vibrazione che rapidamente aumenta di intensità fino a diventare un vero e proprio rombo. Rocce cominciano a cadere dal soffitto: la grotta sta crollando. Senza perdere tempo tutti si mettono in fuga verso l°esterno.

Dalla grotta escono nell°ordine Silvy, Yelena, Diomira e Giannunzio. Quest'ultimo seguito da una densa nube di polvere. Solo dopo quelli che sembrano interminabili istanti anche Rodrigo fa capolino, completamente bianco di pulviscolo. "Solo maledetta routine", dice producendosi in un largo sorriso.

Appena ripreso fiato, Diomira si annota tutto quello che ricorda dei pittogrammi osservati prima del crollo: le solite tre figure umanoidi con in pugno rispettivamente una torcia, una freccia e una lancia, stavolta sono seguite da un altra figura volante e si dirigono verso due simboli, uno triangolare in alto (che Bastiano è convinto essere una montagna ma potrebbe essere un tempio o qualunque altra diavolo di cosa) ed uno tondo con un viso stilizzato all°interno.

L°oggetto recuperato dovrà essere studiato con calma da Diomira, che ne capisce sicuramente più di Rodrigo (benché abbia dato dimostrazione di conoscere almeno in parte i rituali naga). Ha l'aspetto di una sfera bronzea dalla quale filtra una luce azzurra. Sembra che all'interno dell'oggetto ci sia un frammento più grande e potente di quello ottenuto dai cavalca-lupi, e molto più preciso. Indica infatti tre punti ben definiti nello spazio tutti nell°arco di 60 gradi. Bastiano si arrampica per avere una visuale migliore e capire se uno dei punti segnati è una montagna, ma è difficile poterlo dire con certezza.

Infine le erbe si rivelano essere un potente anti-veleno. Probabilmente sono state lavorate in qualche modo che hanno permesso loro di restare integre anche a distanza di secoli.

Fine ventiquattresima puntata.


Diario a cura di Bastiano
Revisione a cura di Ohmnibus
Immagine by Vishwesh Taskar

: Complotto Post dal blog

Frog of War by Tram Drey

Giungla di Tiwia, sera del 10° nehener pieno (24 agosto)

Una volta scarnificata la mandibola superiore del serpente gigante, il gruppo si rende conto che si è fatto troppo tardi per tornare al campo base allestito dagli hroak sulla riva del lago.

Dopo una breve discussione si decide di accamparsi nei pressi della palude, non lontano da dove abbiamo affrontato la creatura.

Consumata la cena Yelena e Giannunzio si appartano lontano dalle orecchie indiscrete dei loro compagni e la ragazza rivela al nordan che è lei stessa ad amplificare e modificare i poteri sciamanici dell°uomo; appurato che non si tratta di un effetto pericoloso, anzi, Giannunzio propone a Yelena di allenarsi insieme per controllare ancora meglio gli effetti di questa commistione di poteri. La ragazza accetta di buon grado e i due si allenano insieme. Quando ritornano dai loro compagni si decidono i turni per la notte, e solo all°ultimo di essi, quello di Silvy e Romilda, la older sente dei gorgoglii provenire dalla mezzaluna d°acqua nei pressi del quale era in agguato il serpente. A parte questo inquietante dettaglio la notte passa tranquilla.

Giungla di Tiwia, mattino del 10° ahoer pieno (25 agosto)

La mattina il gruppo riparte in direzione del lago Hruka, trascinandosi dietro la preziosa preda. Durante il tragitto Rodrigo e Diomira discutono animatamente perché l°uomo vorrebbe raccontare degli hroak al Conte Divini, mentre la sacerdotessa gli ricorda che avevano promesso a quel popolo di non farlo; Yelena, chiamata in causa, risponde in modo sibillino evitando di scontentare uno dei due. A fare strada c°è Romilda che, con l°aiuto di Alona, ci guida indietro sui nostri passi con sicurezza.

Lago Hruka, tarda mattinata del 10° ahoer pieno (25 agosto)

Arrivati alla riva del lago, il gruppo trova l°accampamento invaso dai hroak soldati che stanno distruggendo le tende e le panche allestite dai hroak fedeli alla Regina, mentre questi ultimi sono spaventati e intimoriti anche dalla presenza del generale Jabka.

Rodrigo e Giannunzio si fanno avanti sbattendo il trofeo ai piedi del generale, mentre Diomira amplifica il rumore del tonfo, rendendo la scena ancora più intimidatoria. La scena produce un certo effetto sugli hroak al servizio del generale, che si inginocchiano, mentre Jabka porge la sua lancia a Rodrigo, che la accetta perplesso e la solleva in aria in segno di vittoria; alcuni hroak si gettano in acqua, probabilmente per avvertire la Regina.

Mentre il gruppo sistema alla meno peggio l°accampamento, Rephona e Pepe emergono dal lago e la Regina chiede cosa sia successo. Diomira le risponde con la verità e, dato che Rephona esprime tristezza per la morte del serpente, prova a porgerle l°uovo ancora vivo, su consiglio di Rodrigo. Purtroppo la Regina ritiene il gesto offensivo, Diomira si scusa e le chiede se Pepe può aiutarci a comunicare al generale il desiderio di visitare la tomba del Re Gorundo, ora che è stata data prova del valore del gruppo. Rephona acconsente.

Jabka, però, preferisce non parlare tramite Pepe e preferisce comunicare a gesti. Seduti all°interno di una delle tende rimesse in piedi, il generale cerca di convincere il gruppo, rivolto più che altro a Rodrigo, ad uccidere la Regina in cambio dell°accesso alla tomba. La reazione del gruppo è negativa, ma Rodrigo decide di instaurare un legame mentale con Jabka per convincerlo a farci visitare la tomba comunque. Instaurato il legame, non senza fatica, Rodrigo e Jabka stringono un rapporto di fiducia basato sull°odio per Pepe, e all°insaputa del resto del gruppo promette di ritornare insieme a Giannunzio per uccidere Rephona. Il generale accetta di condurli alla tomba, anche se il gruppo non sa quale sia il prezzo di questa visita.

Prima di addormentarsi Giannunzio si apparta per celebrare un rituale sciamanico da eseguire in presenza della luna piena.

La notte passa tranquilla.

Lago Hruka, mattino del 10° tehner pieno (26 agosto)

La mattina seguente si attraversa il lago con gli stessi mezzi usati all°andata. Giunti alla sponda da cui il gruppo era arrivato, Jabka fa cenno di seguirlo e dopo essersi spogliati, alcuni più di altri, si tuffano seguendo i hroak in acqua. Dopo aver superato uno stretto cunicolo subacqueo, si riemerge all°interno della cripta già vista dagli occhi della testa del serpente di roccia. All°interno c°è un sarcofago che richiama la sagoma di un hroak a braccia incrociate con una lancia più grande di lui. Sul suo addome è poggiata un°urna a sezione quadrata da cui esce una luminosità di colore simile al pezzo di roccia in nostro possesso. Il sarcofago è stato scolpito direttamente dalla roccia e sui suoi lati è presente una serie di bassorilievi che narrano i combattimenti del Re Gorundo e dei hroak sia contro il Grande Serpente che contro altre creature. Anche l°urna, che ha un coperchio, presenta delle incisioni su tutti i quattro lati. Alcune di queste incisioni presentano delle fessure da cui filtra la luce della pietra all°interno esaltando alcune delle forme scolpite.

Su ogni lato dell°urna è rappresentata una creatura umanoide dalla capigliatura simile a quella dei pittogrammi già visti nella grotta del naga. Ogni figura impugna un oggetto diverso: una torcia la cui fiamma è illuminata, una freccia la cui punta è illuminata, una lancia la cui punta è illuminata. Sull°ultimo lato c°è una creatura umanoide dai tratti approssimativi la cui intera figura è scolpita in modo che la luce proveniente dall°interno della scatola la inondi e circondi di un°aura luminosa. Rodrigo di nuovo si connette mentalmente a Jabka che gli rimanda la visione di tre umanoidi (uno uguale a Wotan) che arrivano dopo che dal cielo cade un globo di luce bianca. Successivamente lo stesso globo sembra seguire gli umanoidi ovunque vadano e li aiuta a sconfiggere il Grande Serpente. Sia la pietra in nostro possesso che quella nella scatola sono frammenti del globo di luce.

Fine ventitreesima puntata.


Diario a cura di Diomira
Revisione a cura di Ohmnibus
Immagine by Tram Drey

: Lotta nel fango Post dal blog

beast by Roman Semenenko

Giungla di Tiwia, pomeriggio del 10° nehener pieno (24 agosto)

Wotan istintivamente si butta di lato ed evita la maggior parte del veleno nebulizzato che irrita la pelle, brucia i polmoni e intorpidisce i muscoli. Un istante dopo il serpente si inabissa nell'acquitrino, evidentemente più profondo di quanto sembri a prima vista.

La pozza d'acqua tra il gruppo ed il serpente si estende verso la loro sinistra formando una mezzaluna.  Bastiano immaginando l'angusta profondità delle acque opta per una fuga repentina, non prima di aver afferrato un uovo - ossia la cosa più preziosa in quel luogo a parte le loro vite. A nulla valgono i suoi incitamenti a seguirlo.

Sulla sinistra un'"esplosione" d'acqua annuncia la presenza del serpente, le cui spire si dimenano generando vistosi spruzzi. Sospettando che si possa trattare di un naga, Diomira usa un potere di scongiuro che di fatto colpisce violentemente la bestia con un°onda d°urto che ne scuote il corpo. 

Wotan afferra a sua volta un uovo e dopo essersi sottratto alla vista degli altri lo nasconde nel terreno per evitare che cada nelle avide grinfie della corporazione.

L'enorme coda si solleva e spazza l°intera area con un colpo che, vuoi per fortuna vuoi per abilità, tutti riescono ad evitare.

Bastiano nel frattempo viene colpito da frecce scoccate dalla boscaglia. Stordito dal veleno decide di cercare riparo dietro un tronco. Wotan vede delle figure muoversi velocemente tra i cespugli e si avvicina per poterla attaccare.

Rodrigo si avvicina ed entra nello specchio d'acqua fino alle cosce, disposto a far da esca pur di poter attaccare il serpente. L'attacco del bestione non si fa attendere, e Giannunzio, che non aspettava altro, lo colpisce con un fulmine fiammeggiante. Rodrigo invece viene afferrato per i piedi e trascinato sott'acqua.

Altre tre frecce vengono scagliate contro Bastiano, ma stavolta si conficcano nell°albero che aveva scelto come copertura. Le radici dell'albero però si animano e tentano di afferrarlo. Decide di ritornare indietro per ricompattare il gruppo (che a parte lui e Wotan è già compatto) ed avvisare tutti della presenza di uno sciamano nascosto ed esorta Wotan (anche se non sa dove si trovi) a suonare nel fischietto per chiamare in aiuto i Hroak.

Sott'acqua Rodrigo non si fa prendere dal panico e mira agli occhi del serpente riuscendo a fargli allentare la morsa quel tanto che basta per permettergli la fuga. Scalcia violentemente le acque per tornare in superficie, ed Alona lo aiuta ad uscire dal pantano. Nello stesso momento due enormi ragni, probabilmente parte della "nidiata" incontrata il giorno prima, cadono addosso a Diomira e Wotan intrappolandoli in una trappola di tela. Stessa sorte capita ad uno dei cavalca lupi.

Wotan si libera agilmente della tela ed attacca il ragno, amareggiato di un tale segno di irriconoscenza dopo aver lasciato libero un suo fratello. Abbatte pesantemente il suo machete uccidendolo sul colpo.

Bastiano viene avvolto da un fitto sciame di insetti che limita i suoi movimenti, ma nonostante questo carica il ragno che imprigionava Diomira assestandogli due colpi in rapida successione, uccidendolo. Il combattente depresso esorta spazientito gli altri a lasciar perdere la serpe e concentrarsi sui cavalca lupi.

Rodrigo accecato dall°ira ignora il compagno e scaraventa la pesante carcassa di ragno nell°acqua con l'intento di attirare il serpente in superficie. L°attacco del serpente non tarda ad arrivare e come previsto dal burbero llud addenta la carcassa di aracnide. Giannunzio, in attesa del riemergere del serpente, nonostante sia bersagliato dalle piccole frecce avvelenate dei cavalca lupi non si lascia sfuggire l'occasione e lo colpisce con un'altra delle sue sfere infuocate, che ancora una volta si manifesta come fulmine fiammeggiante. Il serpente si gira e cade all'indietro, restando pancia all'aria. Rodrigo lancia un ringhio gutturale verso il compagno per avergli "rubato la preda".

I cavalca lupi dopo aver combattuto il ragno che li aveva attaccati battono in ritirata, lasciando sul campo un caduto. Diomira è l'unica che ha l'idea di perquisirlo, e nella sua bisaccia troverà tra le altre cose alcuni smeraldi, che intasca per finanziare la sua nascente chiesa senza dire nulla agli altri.

Wotan si immerge nella pozza e scopre che è profonda almeno una decina di metri; ci sono inoltre delle correnti sommerse.

Una delle uova del nido è scomparsa, un'altra l'ha presa Bastiano ed al nido ne restano due, una delle quali è senza vita. Bastiano fa per prenderle tutte ma Yelena insiste per lasciarne una, quindi viene raccolta solo quella senza vita.

Dal corpo del serpente viene estratto del veleno che sarà conservato in una borraccia. Wotan inoltre riesce a prelevare un ampio lembo di pelle delle dimensioni di un lenzuolo. La testa viene quindi mozzata e sezionata in modo di rimuovere la mandibola: è ferma intenzione di tutti trasportarla come trofeo agli uomini rana, ma le dimensioni sono ragguardevoli e quindi è necessario ridurle come possibile.

Fine ventiduesima puntata.


Diario a cura di Bastiano
Revisione a cura di Ohmnibus
Immagine by Roman Semenenko

Stonhenge

Vai al sito precedenteStonhenge: Il Webring dei GdR gratuiti italianiVai al sito successivo

[ Precedente | Home | Successivo ]


Made with Cascading Style Sheet Valid CSS Valid XHTML 1.0 Official Ohmnibus Production


Siete invitati a collaborare in qualsiasi modo. Scrivetemi!

"Signor webmaster, posso vedere di nuovo l'introduzione?"