Lords of Knowledge

Vai al corpo della paginaOhmnibus.net

Benvenuti nel sito web di Lords of Knowledge

Scarica liberamente il manuale di Lords of Knowledge
Richiedi una copia cartacea del manuale di Lords of Knowledge

Lords of Knowledge è un Gioco di Ruolo tradizionale (carta & matita) con un'ambientazione a metà tra fantasy e fantascienza fatto di Acciaio, Magia e Tecnologia.

Il gioco può essere liberamente scaricato e distribuito sotto licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 3.0.

Ultime Notizie

: ESTRATTO DA “IL SAPERE NUOVO - TUTTO SU DIOGENES” #32 Post dal blog


In quel tempo, Diogenes cercava di fuggire in ogni modo dagli incarichi lavorativi che il padre, il Conte Lorenzo, voleva affidargli. 

Il Conte Von Matterhorn, infatti, credeva che se avesse riempito di impegni lavorativi Diogenes, egli sarebbe stato costretto ad affrontarli in qualche modo e non avrebbe più avuto tempo, o forze, per le sue orazioni e le sue uscite serali.

Fu allora che Diogenes mise a punto il suo metodo per evitare accuratamente ogni contatto verbale, o scritto, con il padre. La sua giornata aveva rigidi orari, anche mattinieri, ed ogni minuto della sua giornata era programmato rigidamente sullo schivare gli incarichi che potevano essergli attribuiti dal Conte.

Durante questo periodo, Diogenes trascorreva spesso le serata all’Insegna Grigia, ben sapendo che fosse impossibile incontrare lì il padre. Fu allora che uno dei suoi seguaci gli chiese: “Maestro, ultimamente affrontate la vota in modo molto schematico solo per evitare di svolgere compiti che probabilmente vi lascerebbero più libertà nell’organizzare le vostre giornate. Per ché lo fate?”

Diogenes sorrise, tracannò l’ultimo sorso di birra e rispose: “Lo faccio, amico mio, perché quando non si ha carattere, bisogna pur darsi un metodo, altrimenti tutto andrebbe a catafascio.”

Poi si alzò e si diresse verso il luogo in cui avrebbe dovuto essere alla nona ora della sera.

: [RdL] Il successo non consiste nel non commettere errori, ma nel non ripeterli una seconda volta (o una terza) Post dal blog

Madama Leonilda (Yuda by Tetsuo Hara)

Fattoria Listazzone, sera del 6° tehner crescente (29 aprile)

Ad uno dei portoni si sente battere vigorosamente, una figura ammantata con un bastone piuttosto elaborato e con voce femminile chiede di parlare con Rayanna.

Dice di chiamarsi Aswana ed è una strana versione del passato di Rayanna che è anche molto meno ingenua. Aswana la mette in guardia dall’uso troppo disinvolto del balzo temporale perché troppo pericoloso; infatti nell’ultimo salto manidilama è tornato in vita. Aswana informa la sciamana che la Rayanna anziana sta cercando di creare delle complessità nella trama del tempo e che dovrebbe prestare molta attenzione a non sconvolgere troppo la linea temporale. Rayanna dà ascolto alla nuova versione di sé e non più a quella saggia e anziana e non vuole più saltare nel tempo.

Si torna al piano originario: cercare pergamena e sacerdotessa.

Lisalania, mattino del 6° enhor crescente (30 aprile)

Col viaggio veloce si raggiunge la campagna intorno a Lisalania, Galaele entra in città e affitta una camera ai Cinque coltelli, dove poi il resto del gruppo si teletrasporterà. Nell’attesa del teletrasporto in una stanza sicura, una pattuglia di soldati quasi scopre il gruppo che riesce a nascondersi in un boschetto nei pressi della strada. Convincere Carenna non è facile perché rischia la forca. Comunque alla fine riesce a mettere in comunicazione la sacerdotessa che ha trovato rifugio presso la Casa delle meraviglie di madama Leonilda. Il problema successivo è raggiungere la Casa delle meraviglie senza farsi scoprire. Si opta per il teletrasporto diretto nello studio di madama Leonilda, che ovviamente Diogenes conosce bene.

Casa delle meraviglie di madama Leonilda, tarda mattinata del 6° enhor crescente (30 aprile)

Stanza riccamente addobbata con tinte preponderanti al viola e porpora. Mentre Diogenes si sta camuffando per poi andare a cercare la padrona di casa, la statuaria madama Leonilda entra nella stanza.

Fatti i “rumorosi” convenevoli Leonilda acconsente alle richieste ed esce per avvisare l’ospite che “non si trova sicuramente tra quelle mura” del loro arrivo.

La sacerdotessa accetta di vedere il gruppo, che viene condotto in segreto nelle sue stanze.

I morti hanno preso vita, la cosa è molto più grande di loro. La sacerdotessa offre il suo aiuto. Un risveglio... Arliatark dopo essere stato attaccato da una creatura che lo ha ucciso torna in vita. Gli zombie sono un fenomeno insolito ma non impossibile. Quando un corpo muore può tornare in vita se lo spirito della persona era molto forte. Ma lo spirito subisce un decadimento e non è più come prima e questo spiegherebbe nuova etica distorta del professore. La pergamena sembra l’unico appiglio per rimettere a posto le cose, sebbene la sacerdotessa ammetta di non conoscerne il contenuto. Se non dovessero bastare le sue arti, Hessefa è disposta a riportare tutte le informazioni in merito all’inquisitore dal quale si sta nascondendo, senza tuttavia fare menzione del gruppo.

Per quanto riguarda la pergamena di Kalarones: nella città di Kalarones si dice abbia vissuto una divinità nelle spoglie mortali di un sacerdote. Dopo la sua morte sono state rinvenute alcune pergamene vergate da lui. Il contenuto, si dice, non è adatto agli occhi di un mortale, di conseguenza non ne sono mai stati rotti i sigilli. L’integrità del sigillo e parte del pregio dell’oggetto. Si narra che il contenuto parli di alcuni dei più profondi segreti dei rituali naga. Visto il potere contenuto potrebbe essere persino pericoloso maneggiarla, occorrerà quindi fare molta attenzione.

Si preannunciano giorni molto bui. La situazione politica pure è complicata. Il gruppo ci si riaggiorna a quando sarà in possesso della pergamena.

L’ospitalità è sacra ma il lavoro è lavoro. Per un paio di giorni il gruppo viene accolto gratuitamente, servizi particolari da pagare a parte e viene affidato alle cure della gioviale Flordalia.

Nella loro stanza inizia una discussione su come rub... recuperare la pergamena. Molte informazioni Myristica le aveva già raccolte per suo conto in diversi appostamenti nei primi giorni che si trovava in città. L’appiglio più promettente sembra essere la servetta incinta di De Frederighi, ma anche l’opzione collezionismo col padre di Fioravante potrebbe essere interessante.

Fine cinquantottesima puntata.

Resoconto a cura di Piotr
Immagine by Tetsuo Hara

: [RdL] Passeggeri del tempo Post dal blog

Azzurrina Kayori Yaraka Della Torre Blu (Ozryel BY Adorael)

Fattoria Listazzone, mattino del 6° tehner crescente (29 aprile)

Piotr non sente ragioni, convinto - come spesso gli accade - di avere la verità in tasca, cerca di convincere Rayanna a compiere il balzo in un punto determinato del tempo che a lei preoccupa molto. Facendo il balzo tutti quanti indietro, i doppioni del passato sono morti a Campiglia e la batteria è esplosa ed è quindi evidente (per lui) che troppi morti in contemporanea hanno mandato all’aria tutto. Quando invece sono saltati solo in due le cose sono avvenute sì diversamente, ma il risultato non è cambiato perché il mostro è stato sconfitto comunque.

La soluzione meno dannosa è che Rayanna al massimo accompagnata da Piotr (visto che già lui come lei arriva dal futuro) salti indietro e avvisi gli altri che possono così interrompere il loro attacco prima di causare danni irreversibili.

Il momento migliore è Campiglia prima che Rayanna ricomparisse senza sapere dove fosse stata. E’ ipotizzabile che fosse saltata nel tempo (senza ricordarlo) e che non sia presente in quel momento nella linea temporale quindi morirebbe solo il doppione di Piotr in una azione direttamente collegata agli eventi in questione. Quindi un impatto minimo.

Qualunque altro punto nel tempo e con un viaggio di massa influirebbe pesantemente nel corso degli eventi. Si rischierebbe, a seconda del momento scelto, di essere tutti giustiziati dalla resistenza oppure di morire tentando di assaltare la nave-volante o chissà che altro.

Il discorso di Piotr ha ben poca presa su Rayanna e sugli altri che sono intenzionati a non ripetere l’esperienza del pericoloso balzo temporale. Non rimarrà che portare le informazioni raccolte alla resistenza e poi forse in corporazione o magari cercare sopravvissuti fra amici e parenti.

Bosco ad est di Lisalania, primo pomeriggio del 6° tehner crescente (29 aprile)

Dopo aver recuperato Galaele come la prima volta, il gruppo col potere viaggio veloce di Rayanna si dirige alla miniera della resistenza rimanendo alla larga da Lisalania. Ad un terzo della distanza il viaggio si interrompe in un vicolo cieco in una conca nel bosco che si rivela essere il luogo di un'imboscata. Kaisho accompagnato da una donna dalle mani di uccello ed altri quattro Wirn lancia una sfida a Yanagi e la sua allieva. Diogenes teletrasporta tutti in salvo presso la miniera ma non prima che la donna uccello, nonché moglie di Kaisho, possa investire tutti con un urlo stridulo e doloroso.

Miniera di Sartori, primo pomeriggio del 6° tehner crescente (29 aprile)

Alla miniera non viene dato certo il benvenuto: solo Piotr viene fatto passare. Porta le informazioni di cui è a conoscenza ai tre "capi" della miniera: Erinnio, il Toro e Doriana. Le informazioni sono preziose ma al momento risolvere la crisi dei non morti non è una priorità della resistenza, anzi potrebbero trarne un vantaggio tattico qualora gli auran fossero distratti a combatterli. Piotr apprende che hanno un piano per raggiungere il Dr Zanoch e tra sé e sé spera che queste informazioni giungano alle sue orecchie.

Con un pugno di mosche Piotr torna a riferire agli altri l’accaduto. Diogenes aveva iniziato a studiare meglio il diario ma è interrotto dalla cacciata delle guardie della resistenza. Decidono di cercare la tomba dello psicoscienziato sepolto nei pressi della miniera per capire se l’effetto della frattura arrivi anche lì e se i non morti possano essere intelligenti. Il luogo è perso nella memoria purtroppo e si decide per accamparsi e proseguire lo studio. Dopo poco Myristica è la prima ad accorgersi di un nutrito gruppo di zombie che si dirige verso loro. Mentre ci si riavvicina alla miniera pedinati dai non morti si discute sulla meta, occorre trovare un posto sicuro dove teletrasportarsi per studiare il diario e preparare un piano di azione. La solita improvvisa scarica elettrostatica viene scaricata su Piotr che stavolta non aspettandosela cade pesantemente faccia a terra, svenuto. Rayanna e Myristica iniziano a battibeccare mentre Diogenes si gode la scena e il maestro fuma oppio e nessuno pensa di risvegliare il westan a terra. Fortunatamente gli zombie sono lenti e non raggiungono mai i compagni rimanendo però sempre fissi all’orizzonte. Teletrasporto nella soffitta della fattoria Listazzone.

Fattoria Listazzone, tardo pomeriggio del 6° tehner crescente (29 aprile)

La solita testa d’alce inquietante è appesa alla parete ma questa volta Myristica con uno scatto di nervi la butta a terra… la testa mugola nello stupore generale... Piotr si rende conto che anche il cibo riprenderà vita quindi senza provviste vegetariane il rifugio rimarrà sicuro per breve tempo.

Finalmente il diario viene studiato approfonditamente. Diogenes capisce che una parte del lavoro di Arliatark gli è oscuro perché è legato ai rituali naga, alla magia dei custodi. La stessa batteria spirituale è psicoscienza che fa il lavoro della magia spirituale. La soluzione non viene quindi dalla psicoscienza. Forse la sacerdotessa auran esautorata, con la pergamena di Kalarones cercata da Arliatark, potrebbero risolvere la questione. Occorrerà trovare l’una e l’altra e magari per strada recuperare anche il Dottor Zanoch. Si decide il primo passo: la pergamena. Penetrare nella notte stessa nell’abitazione di Federigo de Federighi per rubarla poi andare ai 5 coltelli per chiedere a Carenna della sacerdotessa. Mentre ci si prepara Rayanna si assopisce e ha una visione illuminante: una vecchissima signora le parla “Dimentichi sempre il fatto che sei solo TU che viaggi nel tempo, gli altri sono passeggeri”.

Mentre la sciamana racconta la visione e Piotr si morde la lingua soffocando un “ve lo avevo detto” , Myristica ha un’illuminazione: non sa spiegarsi come le sia passato di mente ma prima del viaggio nel tempo il corpo di Rayanna non giaceva più a fianco del pozzo ma era scomparso. Torna in auge l’idea di Piotr di far saltare indietro la sola Rayanna ma a questo punto sembrano tutti convinti di voler saltare ancora più indietro per non far incrinare i rapporti con la resistenza. Come convincere però i cocciuti compagni a non affrontare Arliatark? Piotr suggerisce di dire ognuno a Rayanna qualcosa da scrivere in un messaggio che possa convincere le proprie copie del passato...

Fine cinquantasettesima puntata.


Resoconto a cura di Piotr
Immagine by Adorael

Stonhenge

Vai al sito precedenteStonhenge: Il Webring dei GdR gratuiti italianiVai al sito successivo

[ Precedente | Home | Successivo ]


Made with Cascading Style Sheet Valid CSS Valid XHTML 1.0 Official Ohmnibus Production


Siete invitati a collaborare in qualsiasi modo. Scrivetemi!

"Signor webmaster, posso vedere di nuovo l'introduzione?"