Lords of Knowledge

Vai al corpo della paginaOhmnibus.net

Benvenuti nel sito web di Lords of Knowledge

Scarica liberamente il manuale di Lords of Knowledge
Richiedi una copia cartacea del manuale di Lords of Knowledge

Lords of Knowledge è un Gioco di Ruolo tradizionale (carta & matita) con un'ambientazione a metà tra fantasy e fantascienza fatto di Acciaio, Magia e Tecnologia.

Il gioco può essere liberamente scaricato e distribuito sotto licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 3.0.

Ultime Notizie

: [RdL] La cicala e la formica, chi non vuol lavorare neppure mangi Post dal blog

La birraia (Alewife by Tomasz Ryge)

Torana, 8° ahoer pieno (11 agosto)

Diomira divide il suo pesce, ma non può bastare per tutti e per la prima mattina Yelena offre un pasto alla mensa che pur essendo parzialmente finanziata dalla corporazione è troppo costosa per le tasche di alcuni del gruppo.

Si cercano i tre sopravvissuti della spedizione. Yelena riporta che Xatar ha preso molto male la morte del fratello e passa le giornate in locanda a commiserarsi, Songan lavora ai magazzini al porto e Carenna va cercata perché svolge parecchi lavori, anche se spesso lavora alla mensa cittadina ed in taverna.

E infatti proprio quella mattina Carenna è di servizio alla mensa e dopo una zuppa di patate e pesce (patate e funghi variante vegana) per colazione risponde ad alcune domande sulla famigerata spedizione.

All°inizio non hanno incontrato pericoli seri. Si sono inoltrati in direzione ovest sud-ovest, dove hanno trovato una zona di bosco ben più fitta della parte esplorata che si estende per circa un km da Torana. La seconda notte sono stati assaliti da qualcosa, era come se tutta la foresta intorno a loro si stesse agitando, un misto di terremoto e vento forte. Hanno solo percepito movimenti nel buio. C°era il cambio di guardia tra i due caduti quando sono stati aggrediti. Lei e gli altri due si sono svegliati di soprassalto, per i rumori e per le grida di dolore di Jumman e Kerdal. Ha provato a soccorrerli, ma gli altri stavano scappando e da sola non sarebbe riuscita a fare nulla, per cui è stata costretta a scappare a sua volta.

Bastiano chiede di vedere uno dei funghi che si raccolgono sull°isola in modo da saperlo riconoscere all°occorrenza.

Giannunzio invece va al porto per una mezza giornata di lavoro che gli frutterà ben 200 drog.

Silvy ispeziona i dintorni del borgo e trova specie vegetali mai visti prima oltre a qualche tubero commestibile.

Trova inoltre delle bacche, e non sapendo se sono commestibili o meno ha la bella idea di darle ai maiali in un vicino recinto, ma viene fermata dal fattore allarmato... rimarrà il dubbio sulla loro velenosità non essendo rimasta a dare spiegazioni all°uomo armato di forcone.

Wotan si interessa particolarmente ai faraglioni e osserva che hanno una forma molto bizzarra e particolare, ma per capire c°è bisogno di un punto di osservazione sopraelevato.

Diomira si reca a palazzo Torana per conferire con sir Pendelton per il suo tempio. Il lotto identificato dalla custode sembra destinato alla coltivazione o allevamento, ma non essendo ancora assegnato può essere un buon candidato. Per il terreno si parla di una cifra consistente pari a duecentomila drog... Si trova una alternativa, valutare con il consiglio se c°è l°intenzione di realizzare una chiesa di proprietà di Torana da dare in gestione alla sacerdotessa.

Ottiene quindi il nominativo di uno dei falegnami, Tombar Dercer, per commissionare un simbolo sacro.

Wotan Bastiano e Rodrigo trovano Songan che lavora presso un magazzino a nord. Due guardie si trovano all°entrata, e Songan è uno di loro. Neanche intimidendolo si ottengono informazioni utili. Il bosco stesso sembra li abbia attaccati, forse perché offeso per qualcosa, suggerisce Wotan. Il bosco è ricco di piccoli ruscelli e provviste frutta bacche radici e molte grosse lucertole grandi anche un braccio.

Wotan se ne va in esplorazione, troppe parole per un solo giorno. La preghiera del giorno prima gli ha fatto talmente bene da sentirsi sazio per tutto il giorno. Si incammina per la via che sale sulla alta dell'isola, e poi aggira il borgo a sud. Dal promontorio raggiunto riesce a vedere da una angolazione migliore i faraglioni che sembrano essere della forma di un gigante che esce dall°acqua. C°è qualcosa che non torna, la roccia è diversa da quella della costa... come se fosse stato messo lì apposta.

La coppia malassortita Rodrigo-Bastiano va in cerca di Xatar in taverna. Stavolta ci sono più commensali dall°ultima volta. Xatar ha gli occhi lucidi per l'alcol e le lacrime e non si ottiene nulla da lui. Decidono di lasciarlo stare e si recano al porto in cerca di lavoro, ma prima si è a pranzo alla mensa offerto stavolta da Diomira. Al porto Arthur Samhogg offre lavoro come pescatori a Rodrigo e Bastiano pur senza esperienza. I tre salgono su una piccola imbarcazione e partono per la pesca che frutterà 500 drog a Bastiano e un po' meno a Rodrigo, dal momento che ha ottenuto meno risultati.

Diomira invece va ad aiutare il cerusico millantando esperienza in quel campo. Con grande sforzo di intelletto e la supervisione attenta del cerusico stesso riesce ad ottenere ben 600 drog.

Torana, sera dell'8° ahoer pieno (11 agosto)

Cena alla locanda, molti avventori invocano l°arrivo della °birraia°... la ragazza porta birre a tutti, offrendo il primo giro gratis in un bicchiere più piccolo del normale. La birra non è frequente e si apre la botte solo in occasioni speciali, in questo caso probabilmente per l°arrivo della Ithaqua e delle provviste. I prezzi sono piuttosto alti: 75 drog per un pasto e 100 per una birra. Rodrigo spende tutti i soldi guadagnati in birre mentre Bastiano si limita al pasto e al primo giro gratuito.

Diomira va in cerca di Xatar per portargli conforto e lo invita alla sua funzione mattutina per dire due parole per la morte del fratello. Finito il pasto e i drog anche la giornata volge al termine, e tutti si incamminano verso i loro alloggi.

Fine terza puntata.


Racconto a cura di Bastiano
Immagine by Tomasz Ryge

: [RdL] Indovina chi viene a cena (seconda parte) Post dal blog

Octavia Ellarian (8 by Jo-Air)

Palazzo Torana, sera dell'8° nehener pieno (10 agosto)

Yelena è vestita con una divisa della corporazione dall'aria molto autorevole, il suo gruppo di esploratori invece è un po° improvvisato e tutt°altro che discreto. Forse solo Diomira si sente a proprio agio in quella situazione. Gli altri, chi più o chi meno, appaiono veramente fuori luogo al tavolo dei signori.

Vengono fatte le presentazioni: 

  • Lady Octavia Ellarian è una baronessa llud, prefetto di Torana
  • Sir Pendelton Murray è il segretario e braccio destro della baronessa
  • L'ing. Theresa Pentecost è l'ufficiale della sala macchine della Ithaqua
  • Lady Johira Weatherlight è il capitano della Ithaqua
  • Lady Shizuka Kaze-no-tani è una nobile whirn in visita turistica
  • Ser Hoeru Shinzen è il tuttofare di lady Shizuka
  • Lady Selene Shurmak è capitano della guardia di Torana
  • Il prof. Kelevin Wallenban è il direttore della stazione diamante
  • Lady Anexamet Imun è una nobile auran ospite di Aliberto in visita turistica
  • Lord Aliberto Divini è un conte llud, proprietario dell'area dell'isola su cui sorge Torana
  • Ser Akash Humne è l'assistente di Divini

Prima portata: brodetto di pesce (brodo vegetale per Silvy)

Parlando in disparte con Yelena, Giannunzio viene a sapere che la spedizione dove in due hanno perso la vita pare non fosse stata autorizzata dalla corporazione e le dice che vorrebbe interpellare di persona i sopravvissuti per avere informazioni. Non si lascia sfuggire quasi nulla riguardo alla cassa sospetta o all°aggressione subita. Sembra che Giannunzio non si fidi completamente del suo supervisore, abituato forse ad essere eccessivamente individualista.

Seconda portata: ostriche (funghi per Silvy)

Durante la cena si parla della spedizione. Aliberto sembra molto scosso nell'apprendere della morte dei due uomini. Il conte pare sinceramente preoccupato e interessato al destino dei coloni, e rivolto a Yelena si raccomanda la massima cautela. Sulla vicenda  non si ottengono molte altre informazioni a parte che i caduti sembrano essere stati sopraffatti da un nutrito numero di piccoli animali non ben identificati.

Romilda, detta "la selvatica", per la sua conoscenza del bosco potrebbe essere di aiuto al gruppo. Si è allontanata da Torana per vivere nella natura selvaggia, ma lascia (sembra intenzionalmente) segni della sua presenza quindi dovrebbe essere ancora viva.

Terza portata: stufato di carne (zuppa di tuberi per Silvy)

Lady Anexamet Imun, si chiede quale sia l'utilità di esplorare un'isola deserta. Aliberto pazientemente le spiega le numerose opportunità, ma l'attenzione della lady si desta solo quando sente parlare della possibile presenza di metalli e pietre preziose.

Sembra ci sia un'organizzazione malavitosa in città. Il capo della guardia sostiene di avere già una idea di quello che sta succedendo, ma si è deciso di non essere particolarmente duri per non fiaccare il morale dei cittadini. Non possono apertamente schierarsi contro divertimenti °illeciti° essendo Torana un luogo privo di qualunque piacevole distrazione.

L°idea della costruzione di un tempio sembra interessare la baronessa e il sogno di Diomira si fa ogni giorno più vicino e reale. Sir Pendelton tuttavia non condivide l'entusiasmo del prefetto.

La cena termina e gli invitati tornano ai loro alloggi. Il gruppo si accorda per interrogare i superstiti all°indomani mattina e si valuta di uscire preventivamente per cercare anche la °selvaggia° e ottenere tutte le informazioni possibili che possono essere di un qualche aiuto alla missione.

Di fronte agli alloggi, prima di ritirarsi Silvy e Giannunzio mettono a conoscenza il gruppo dell°aggressione subita poche ore prima.


Racconto a cura di Bastiano
Immagine by Jo-Air

: [RdL] Indovina chi viene a cena (prima parte) Post dal blog

Dante Pirrone (Old man by Sinan Zöngör)

Torana, 8° nehener pieno (10 agosto)

Bastiano in piena crisi claustrofobica viene "estratto" dalla sua stanza da Rodrigo e poi si dirigono insieme verso la taverna. La maggior parte delle persone sta scaricando la nave in una atmosfera di festa. Alla taverna °La solitaria° c°è solo l°oste, un tizio piuttosto vecchio e non certo molto sveglio: Dante Pirrone. Rodrigo spavaldo si rivolge all°oste chiamandolo vecchio... Non avendo drog e non essendoci avventori con cui parlare o giocare a dadi i due sono costretti ad uscire per andare al porto a cercare gente.

Silvy e Diomira fanno un giro per il paese. La prima si reca all°emporio mentre Diomira va in cerca di poveri e derelitti. All°emporio, gestito da una donna di nome Altezza, c°è un po' di tutto ma di qualità mediocre, molte cose sono state costruite sull°isola, dove l°artigianato non è di buona qualità. In teche protette da una rete ci sono alcuni oggetti di qualità migliore. Nei vicoli e nelle periferie Diomira si accorge che più che povertà ci sono zone ed edifici in costruzione, non sembrano esserci grosse differenze economiche. Sta cercando il luogo adatto per erigere il proprio tempo in modo da avere una finestra con una esposizione tale dal proiettare l°ombra della statua della divinità lungo la navata centrale. Nella zona sud ci sono alcune abitazioni rurali con piccoli appezzamenti di terreno e pollai. Lì sembrano esserci zone disponibili per costruire.

Wotan si addentra nell°isola per dare una occhiata e si inerpica sul sentiero della spaccatura. Incontra un tizio in armatura, Fabrizio, appartenente alla guardia cittadina che lo ferma per sapere dove stia andando. Apprese le sue intenzioni lo avverte che il bosco può essere molto pericoloso, perché ci sono state già delle vittime di animali selvatici. In 20 minuti scarsi Wotan raggiunge la parte alta dove trova dei magazzini in un zona disboscata e poi comincia il bosco con solo qualche sentiero poco battuto. Inoltrandosi presta attenzione a vegetazione mai vista e si accorge che la maggior parte delle specie sono molto diverse da quelle viste fino ad ora. Anche i versi degli animali sono inusuali alle sue orecchie. Sembra che qui non sia mai giunta la mano dell'uomo.

Giannunzio torna al porto per dare una mano allo scarico e si fa un'idea di dove sono dislocati i magazzini e sembra molto interessato al contenuto delle casse. La stiva è ormai quasi vuota quando si accorge che Mihail, il secondo ufficiale, fa un cenno ad Egbert, lo stesso tizio che Rodrigo aveva notato in comportamenti loschi con qualcuno dell°isola in un vicolo. Insieme tirano fuori da un angolo nascosto una cassa e la portano ad una delle lance tenendola particolarmente d°occhio. La cassa viene portata a due uomini dietro un vicolo che sgattaiolano via. Il nordan cerca di seguirli ma ne perde le tracce intorno alla zona nord est del paese. Tornato nella stiva per cercare indizi viene scoperto però proprio dal secondo ufficiale che lo allontana.

Al porto si viene a sapere che cinque persone a contratto si imbarcheranno per tornare indietro.

Diomira cerca di capire come rendersi utile sull°isola e domanda a quelli che comprano il pesce al porto di cosa hanno bisogno: servirebbe saper far crescere più in fretta le patate, e non con le preghiere, infatti il marito della signora Esterina dice che pesca più pesce con la rete che con le preghiere.

Ci sono molte possibilità di lavoro ma poche di °fare la grana° sembra appurare Rodrigo. Sente dire comunque che alcune casse scaricate contengono roba da bere e che gli isolani sperano in qualcosa di alcolico. Sente anche dire da tal Marcello che può essere arrivata altra roba più importante oltre all°alcool (che si può distillare anche sull'isola), ma poi finge di non aver detto nulla.

Bastiano abbandona il compagno annoiato dalla sua ricerca della grana e si dirige verso nord lungo la spiaggia dimenticandosi di trovarsi nell°emisfero meridionale quindi allontanandosi dalla luce, la scogliera infatti proietta un ombra sinistra su tutto. L°ultima casupola all°ingresso dell°insenatura sebbene si trovi sulla spiaggia è costruita su palafitta. Poco più a nord la spiaggia diventa scogliera e difficilmente praticabile. Nota alcune tracce sul terreno a dimostrare che probabilmente ogni giorno qualcuno viene in quel luogo. Ritorna allora sui suoi passi per ricongiungersi agli altri.

Wotan osserva l°ambiente e nota guardando verso ovest una montagna che spicca fra le colline boscose. Guidato dalla mano di Shaaia segue un uccello colorato e si ritrova in una piccola collinetta senza alberi che ancora è esposta alla luce del sole, luogo perfetto per sollevare le sue preghiere. Dopo alcune ore torna in paese dove incontra Yelena che sta cercando di radunare il gruppo per la cena.

Giannunzio e Silvy parlano con qualcuno degli avventurieri in partenza per il vecchio continente per chiedere loro informazioni e consigli sull°isola. La permanenza è stata dura, sull°isola si lavora e basta nessun divertimento niente di niente. Il primo pensiero è ubriacarsi dopo aver nascosto i 10000 drog del contratto. Nell°unica spedizione che è stata fatta son morti in due. I superstiti, Xatar, Songan e Carenna, non hanno nemmeno capito bene quali bestie li hanno attaccati.

Nel tragitto di ritorno da un vicolo qualcuno attira la loro attenzione e li chiama dietro l°angolo proprio nella zona dove era sparita la cassa sospetta. Giannunzio si aspetta una trappola e allerta Silvy, e infatti appena girato l°angolo da una porticina esce un tizio che brandisce una manganello improvvisato pronto ad aggredirli e altri quattro energumeni col volto coperto appaiono nelle vicinanze. Il nordan non si lascia cogliere di sorpresa e con un pugno ben assestato lo prende in pieno volto facendogli cadere l°arma di mano, prontamente raccolta da Silvy. Con un altro pugno l'aggressore viene tramortito e cade a terra. Scatta la rissa. Tre aggressori attaccano senza andare a segno e un altro rapidamente è mandato gambe all°aria. Qualcosa tintinna a terra, un oggetto si spacca lanciando filamenti viscosi in ogni direzione che imprigionano i due compagni. Due degli aggressori si allontanano estraendo un arco e cominciano a tempestare di frecce incerte le due mosche nella ragnatela. I due riescono però ad evitarle tutte. Dopo alcuni tentativi falliti gli aggressori se ne vanno impartendo una minaccia. L°aggressione è dovuta alla troppa curiosità di Giannunzio che ha visto cose che non doveva vedere. Silvy usando un coltellino riesce a liberare lei e il compagno e i due corrono a prepararsi per la cena.


Racconto a cura di Bastiano
Immagine by Sinan Zöngör

Stonhenge

Vai al sito precedenteStonhenge: Il Webring dei GdR gratuiti italianiVai al sito successivo

[ Precedente | Home | Successivo ]


Made with Cascading Style Sheet Valid CSS Valid XHTML 1.0 Official Ohmnibus Production


Siete invitati a collaborare in qualsiasi modo. Scrivetemi!

"Signor webmaster, posso vedere di nuovo l'introduzione?"