Lords of Knowledge

Vai al corpo della paginaOhmnibus.net

Benvenuti nel sito web di Lords of Knowledge

Scarica liberamente il manuale di Lords of Knowledge
Richiedi una copia cartacea del manuale di Lords of Knowledge

Lords of Knowledge è un Gioco di Ruolo tradizionale (carta & matita) con un'ambientazione a metà tra fantasy e fantascienza fatto di Acciaio, Magia e Tecnologia.

Il gioco può essere liberamente scaricato e distribuito sotto licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 3.0.

Ultime Notizie

: I profanatori delle acque sacre Post dal blog

Rocky the Roly Poly - WIP Color & Rig by Neal Biggs

Tempio delle scimmie, mattino del 13° enhor pieno (17 settembre)

Il suggerimento di Silvy, ossia che sia necessario innalzare il livello dell'acqua nel pozzo, viene valutato dal gruppo. Bastiano pensa che i ganci nella parete interna potrebbero essere usati per impedire alle pietre di raggiungere il fondo ed azionare la trappola sul fondo, "magari con una rete", aggiunge Rodrigo. Ma trasportare le grosse pietre potrebbe essere pericoloso, oltre che faticoso, e non si dispone di una rete.

Intanto viene ispezionata la stanza successiva. Si tratta di un largo corridoio con una scanalatura al centro in leggera pendenza con dei fori ai lati, presumibilmente collegati a quelli del pozzo. Il canaletto arriva ad un portone di pietra massiccia decorata con un bassorilievo. La lastra di pietra sembra aderire perfettamente su tutti e quattro i lati, e non lascia intravedere nessun meccanismo di apertura. Ci si chiede come possa l°acqua causarne l°apertura, se non per magia. Dalla parete nord si accede ad una stanza dove ci sono numerose palle di pietra assicurate ad una catena che termina con un anello più grosso. Giannunzio propone di appenderle ai ganci del pozzo al posto delle più scomode pietre giganti, ma invece di occuparsi della questione torna ad esaminare le rocce sferiche più grandi. Con le sue fiamme scalda la resina che le ricopre fino a liquefarla, per poi prelevarne dei campioni per la Corporazione. Ma non appena si gira la roccia si sgretola e si "srotola" in un enorme onisco, secondo Wotan appena risvegliato dal letargo.

Nel frattempo Rodrigo, spazientito, comincia a spostare le palle incatenate, ma anche queste sono cosparse di resina e ne resta attaccato. Liberarsi gli costerà dolorose abrasioni. Giannunzio, che è come il prezzemolo, si disinteressa presto all'onisco ed aiuta Rodrigo a trasportare le sfere incatenate, ma cade maldestramente e si procura una dolorosa contusione al ginocchio. Nulla che non si possa sistemare con una decina di minuti di riposo. Sarà Diomira, che oramai ha dato più volte prova della sua forza straordinaria, a trascinare tutte le sfere ed appenderle ai ganci. Il livello dell°acqua sale  fino a raggiungere i troppo pieni. Si sente scorrere l'acqua sotto il pavimento, e dopo pochi secondi si riversa nel canale del corridoio vicino, fino a lambire il portone di pietra. Questo si alza di una dozzina di centimetri, per poi bloccarsi. Rodrigo e gli altri, con grande sforzo, riescono a sollevarla di un'altra manciata di centimetri, quanto basta per permettere a tutti di passare, anche se strisciando. Mentre Aileen, avvantaggiata dalla sua corporatura minuta, va in avanscoperta, gli altri pongono alcune palle di pietra sotto il portone per impedire che si richiuda accidentalmente.

Sulla porta è rappresentata una scena di scimmie impettite attorno ad una scimmia più grande delle altre contraddistinta da una corona. Tutte guardano nella stessa direzione, qualcosa fuori dalla scena verso sinistra. Alcune scimmie hanno armatura, altre una lancia. Nella parte bassa della scena alcune ballano festose distraendo le scimmie soldato vicino a loro. Aileen osserva che in tutti i disegni visti fino a quel momento la scimmia incoronata guardava verso sinistra.

Al momento di attraversare il passaggio angusto, temendo a giusta ragione un rifiuto di Bastiano, Rodrigo ingaggia con lui un lungo combattimento e infine con una presa riesce a fargli perdere i sensi. Quindi viene spinto sotto la porta... ma si incastra malamente, e Rodrigo non riesce a farlo passare. Ancora una volta Diomira, già passata dall'altra parte, risolverà la situazione.

Nel frattempo Wotan nutre e parla con la creatura - che chiama Katiusha - e usa i suoi poteri per capire qualcosa su di lei. Si trova li da molti decenni, forse secoli e deve essere stata trasportata in quel luogo già dopo essere entrata in letargo. Sembra essere confusa in quanto appena svegliata, e dice che non era il momento giusto per farlo. Wotan sospetta che solo alcune delle altre rocce siano creature come Katiusha.

Il gruppo avanza e dopo un corridoio di una decina di metri giunge in una stanza quadrata di circa 70 metri, con colonne ai bordi e nel mezzo che salgono fino a perdersi nel buio. Una breve scalinata porta ad una vasca profonda circa un metro di un'acqua limpidissima dall'aspetto salubre. Due statue di enormi gorilla reggono altrettante torce magiche. Ad est un altro portone di roccia a due ante decorato con incisioni in oro di scimmie in un paesaggio boscoso.

Rodrigo immerge le mani nella vasca e si accorge che le ferite si rimarginano. Intuendo le proprietà dell'acqua prende Bastiano e quasi lo getta nella vasca. Il guerriero recupera finalmente la vista e l'uso del polso. Tranne Silvy, Wotan, Carenna e Yelena, tutti riempiono le borracce della preziosa acqua, ma non appena Diomira si allontana di alcuni passi dalla vasca tutti i contenitori scoppiano come se l'acqua al loro interno sia improvvisamente diventata bollente. Le cinque nubi di vapore invece di disperdersi si compattano ed aggrediscono i profanatori.

Le armi normali passano attraverso il vapore senza apparentemente far danno, mentre sembrano efficaci gli scongiuri di Rodrigo e Diomira, e solo in parte l°arcanospada di Bastiano.

Aileen tenta di cancellare i ricordi di una creatura, ma la sua azione non sortisce effetti. Giannunzio si infuoca e lancia una delle sue sfere di fuoco misto a elettricità, ma passa attraverso il vapore e colpisce lo sfortunato Rodrigo dall'altra parte. Diomira grida parole arcane e battendo il bastone a terra sprigiona un'onda di energia che fa vacillare tutte le creature di vapore nella sala, indebolendole e danneggiandole. Bastiano si sussegue in colpi prodigiosi che danneggiano le creature solo una frazione del danno che dovrebbero infliggere normalmente, pur tuttavia distruggendone una.

Rodrigo ne fa evaporare un altro coi suoi poteri mentre Aileen, che ha subito più attacchi, è in difficoltà. Bastiano corre in suo aiuto sferrando anche colpi che come i precedenti sarebbero stati devastanti contro un qualsiasi altro avversario, ma bastano appena per dissipare una di queste creature. Alla fine la minaccia viene eliminata. Quando l'attenzione di tutti non è più catturata dagli avversari, si accorgono che le acque limpide della vasca ora sono di un disgustoso colore verde palude.

Mentre il gruppo si riprende dal combattimento, qualcuno si ricorda che la tavoletta di argilla rinvenuta all°esterno probabilmente conteneva un avvertimento riferito alle acque di questa vasca.

Prima di aprire il portone se ne osserva meglio l'incisione: raffigura una ziggurat in mezzo ad un bosco, con il re scimmia sulla cima e intorno una quantità smisurata di scimmie di varie specie.

Viene quindi spalancato il portone e...

Fine quarantottesima puntata.



Diario a cura di Bastiano
Revisione a cura di Ohmnibus
Immagine (c) Neal Biggs

: Raschiare il fondo del pozzo Post dal blog


Tempio delle scimmie, notte del 13° tehner pieno (16 settembre)

Dopo che Silvy ha inserito il codice si sente un sonoro "clack" provenire dall'altare. Dopo alcuni interminabili secondi di silenzio, la parte superiore ruota di pochi gradi, ma abbastanza da poter scorgere il contenuto. La voce spettrale prorompe nuovamente nella mente dei presenti e dice: °Le scimmie adorano le noci°.

L'altare contiene in effetti moltissime noci d'argento. Hanno lo stesso peso e consistenza delle normali noci, ma anche l'interno, incluso il mallo, sembrano d'argento. Per Diomira è chiaro che si tratta di magia pura.

Ciascuno dei presenti raccoglie diverse manciate di noci, ipotizzando possano servire per risolvere un altro enigma.

Svelato il mistero dell'altare, l'attenzione si rivolge alla porta sulla destra. Delle figure geometriche sembrano rappresentare una fontana stilizzata. Giannunzio la esamina e, ritenendola sicura, la apre senza sforzo semplicemente spingendola. Il corridoio dietro di essa prosegue per circa otto metri per poi svoltare a destra in una stanza rettangolare con un passaggio a sinistra ed un'enorme pila di grandi sfere di roccia.

Bastiano continua a non vedere. Wotan esamina le pietre e nota che sono ricoperte di una resina particolare che sottoposta a pressione e leggero calore diventa appiccicosa.

L'apertura sulla sinistra conduce tramite alcuni gradini ad una stanza ottagonale al centro della quale c'è un largo pozzo rotondo. Si sospetta che i massi tondeggianti siano una trappola, di cui però non si trova alcun meccanismo. Rodrigo si convince che sotto i massi possa essere nascosto qualcosa, ed usando delle coperte per evitare di restare incollato fa rotolare a terra la pietra più alta. Ma non c'è nascosto nulla. Wotan si convince che le pietre possano essere delle uova o forse delle creature che vanno in letargo pietrificandosi, perciò impedisce a chiunque di danneggiare le rocce, giacché qualcuno ha proposto di aprirle in due.

Rodrigo si avvicina incuriosito al pozzo. Si immagina che possa nascondere dei tesori e lo osserva meglio. All°interno ci sono uncini arrugginiti posti come se dovessero sostenere qualcosa, e quattro fori ben evidenti sotto il livello del pavimento.

A giudicare dal senso di stanchezza è notte fonda, ci si accampa quindi nella stanza dell'altare. Saranno fatti turni di guardia tenendo d'occhio l'ingresso dall'altra parte delle piattaforme sospese. I corni si sono fatti vicini e si inizia a sentire vociare provenire all°esterno. Bastiano cede a malincuore il cripto che rende incorporeo e lo affida a chi è di guardia: in caso di irruzione dei cavalcalupi, oltre a dare l'allarme la sentinella avrebbe dovuto recuperare la chiave. Il cripto di Bastiano sarebbe poi stato utilizzato per raggiungere gli altri qualora il portone si fosse richiuso da solo.

Bastiano dormirà subito fuori il portone, preferendo una morte orribile per mano di una orda di cavalcalupi piuttosto di una, per lui, ben più atroce da sepolto vivo.

Tempio delle scimmie, alba del 13° enhor pieno (17 settembre)

Alle prime luci dell°alba il vociare all°esterno si fa più intenso, ma nessuno entra nel tempio. Del resto essendoci una solo uscita conosciuta i cavalcalupi potrebbero avere modo e occasione di preparare un agguato. Si decide per proseguire senza chiudere le porte attraversate per mantenere una via di uscita aperta. 

Rodrigo è talmente interessato al contenuto del pozzo da andare a controllarne il fondo di persona. Gli altri saranno pronti a riportarlo fuori tramite una corda che si è assicurato attorno alla vita.

Dopo averne saggiato la profondità legando un martello ad un'altra corda, si immerge. Scende facilmente per nove metri, e arrivato sul fondo trova una pietra rialzata di un paio di centimetri. Gli risulta naturale premerla. In quell'istante dai bordi esterni del pozzo scattano delle lame ad altezza caviglia che tutti riescono ad evitare tranne il povero Bastiano, ancora bendato. Silvy, innervosita più che preoccupata, strattona furiosamente Rodrigo facendogli uscire l'aria dai polmoni. Il combattente riemerge tossendo, e le sue proteste vengono immediatamente rimbottate da quelle di tutti i presenti, al che Rodrigo decide di mordersi la lingua.

In quel momento Silvy ha un'intuizione: le grosse pietre vanno gettate nel pozzo, che funge da "troppo pieno". Quando l'acqua sale entra nei quattro fori azionando così un meccanismo e forse sbloccando qualche nuovo passaggio.

Nel gettarle nel pozzo però bisognerà prestare attenzione a non rimanere attaccati alla resina delle pietre, altrimenti...

Fine quarantasettesima puntata.



Diario a cura di Bastiano
Revisione a cura di Ohmnibus

: Chiave in vista, serratura nascosta Post dal blog


Tempio delle scimmie, sera del 13° tehner pieno (16 settembre)

La fonte di luce sotto la piattaforma si rivela essere una chiave apparentemente incandescente, appesa ad una lunga e sottile catena. Il gruppo valuta di scendere per recuperarla, ma Bastiano suggerisce che i due grossi pipistrelli potrebbero essere a guardia della chiave. Si fa avanti Wotan e lo chiede espressamente agli animali, tuttavia sembra che questi ignorino le sue parole. Sorge il dubbio che i pipistrelli possano essere un'illusione, e Aileen decide di avvicinarsi al soffitto per capire meglio. Ma non appena le ali nere della ragazza si dispiegano e la sollevano da terra, uno stormo dei pipistrelli più piccoli si stacca dalla parete e le sciama addosso intralciandola ed offuscandone la vista, fino a causarle alcune ferite minori. Approfittando della confusione Silvy si appende alla piattaforma con un balzo atletico. Diomira tenta di allontanare i pipistrelli. Per non far infuriare Wotan usa un approccio "soft", non ottenendo un bel nulla. Fortunatamente le piccole creature si disperdono non appena Aileen tocca terra.

Silvy, mentre gli altri sono alle prese con i pipistrelli, si avvicina alla chiave e dopo aver verificato che non è effettivamente incandescente - e quindi può essere afferrata - la prende per poi saltare immediatamente verso il vuoto sotto di lei, preferendo la caduta agli effetti di un'eventuale trappola.

Nel cadere si sloga una caviglia. Nulla di grave, ma le renderà i movimenti impacciati per tutto il giorno. Il fondo della sala è molto simile alle pareti. Secondo lei si tratta di un luogo modellato da un grande potere magico. Tramite l'aiuto di una corda viene fatta risalire sulle piattaforme. Su domanda di Carenna conferma che il fondo della sala è privo di guano, per cui i pipistrelli non possono essere reali. 

Bastiano osserva che nemmeno Nimrod, il falco di Diomira, fa delle deiezioni, e quindi i pipistrelli potrebbero essere dei naga. La sua imbeccata fa agire prontamente Diomira che si concentra e grazie alle sue conoscenze dei rituali naga riesce a tenere bloccati i pipistrelli in un'ampia area, inclusi i due esemplari più grandi. Il gruppo passa quindi oltre fino alla piattaforma successiva: invece di seguire il percorso formato dalle piattaforme si decide di prendere una scorciatoia superando un salto di circa un metro nel vuoto, colmato riutilizzando le assi sottratte ai ponti fuori dal tempio.

Quando tocca a Diomira passare all'altra piattaforma è costretta a perdere la concentrazione e quindi le creature si liberano. Per evitare di essere attaccata utilizza un altro potere che le permette di saltare rapidamente; tuttavia il salto attira un altro nugolo di creature allo stesso modo di come è accaduto ad Aileen. Fortunatamente l'aggressione si risolve altrettanto rapidamente, lasciando Diomira solo un po' scossa e leggermente graffiata dai piccoli artigli.

Arrivati al portone Wotan ha una buona intuizione e invece di inserire direttamente la chiave nella serratura cerca una porta "adatta alle scimmie" al di sotto delle piattaforme. Non trova nessuna porta, ma effettivamente al di sotto della piattaforma c'è una serratura. Dopo una breve discussione si decide di usare la chiave nella toppa inferiore nonostante i mille dubbi insinuati da Aileen e da Bastiano, che da cieco è più loquace e insopportabile del solito ("Due toppe, due chiavi! Una chiave sotto le piattaforme per la toppa sotto ed una chiave per la toppa sopra! Vanno usate di sicuro in contemporanea!").

Dopo aver appurato l'assenza quasi certa di trappole ed aver usato la chiave, il portone si apre. Non sull'esterno, come sperava Bastiano, ma su un largo corridoio che porta ad una stanza ampia e illuminata con un altare sul fondo. Sul soffitto ci sono dei bassorilievi ed alle pareti dei fori di circa dieci cm di profondità, forse usati per fissare le impalcature per scolpirli. Quattro colonne di squisita fattura adornano la sala principale, dove è presente un altare (o sarcofago), e due torce che bruciano senza emanare calore sono fissate alla parete di fondo.

Diomira si avvicina per prima all°altare. Quando lo osserva si ricopre di una sottile nebbiolina che si condensa in simboli vorticanti. Nello stesso momento nella sua mente prorompe una voce che le fa venire i brividi: °Usa il giusto codice per un premio: elevato, svettante, infimo, profondo, losco, abile, funesto, agile.°.

Chiunque si avvicini fissando la nebbia sente le stesse parole nella sua lingua natìa.

Silvy appura che i simboli vorticanti sono simili a quelli della tavoletta rinvenuta all°esterno.

Sopra l°altare c'è una sezione ovale poggiata su qualcosa, e sembra possa essere azionata nelle quattro direzioni.

Il sesto senso di Wotan lo porta a sostenere che sbagliare il codice potrebbe avere brutte conseguenze.

Silvy e Diomira sono abbastanza concordi su come decodificare il codice: elevato = SU, svettante = SU, infimo = GIU, profondo = GIU, losco = SINISTRA, abile = DESTRA, funesto = SINISTRA, agile  = DESTRA.

Subito dopo aver immesso il codice si sente un clack e...

Fine quarantaseiesima puntata.



Diario a cura di Bastiano
Revisione a cura di Ohmnibus
Autore dell'immagine ignoto

Stonhenge

Vai al sito precedenteStonhenge: Il Webring dei GdR gratuiti italianiVai al sito successivo

[ Precedente | Home | Successivo ]


Made with Cascading Style Sheet Valid CSS Valid XHTML 1.0 Official Ohmnibus Production


Siete invitati a collaborare in qualsiasi modo. Scrivetemi!

"Signor webmaster, posso vedere di nuovo l'introduzione?"